LUSOFARMACO

COVID, LONG-COVID E VACCINAZIONE : IL PUNTO DI VISTA DEL CARDIOLOGO E DEL NEUROLOGO
La pandemia da SARS CoV2 ha rimarcato la necessità di valutare con attenzione gli effetti dei vaccini in uso su pazienti neurologici, ma anche di integrare la attività degli ospedali e degli ambulatori nella gestione del paziente cardiopatico, individuato come soggetto a rischio elevatissimo nella contrazione della malattia. Allo studio del paziente con malattia in corso, si è nell’ultimo anno affiancata la analisi delle molteplici manifestazioni della Long-Covid, nome utilizzato per definire l’insieme dei sintomi clinici riscontrabili in alcuni pazienti contagiatisi nei mesi scorsi. Lo scopo del corso è quello di fornire ai partecipanti un approfondimento sui recenti avanzamenti nella gestione e trattamento del paziente colpito da virus SARS-CoV2 e i postumi di malattia, per una ottimale interazione territorio-ospedale.
Prezzo 0.00 €
Ore: 3
NUOVE FRONTIERE TERAPEUTICHE SULL'EPILESSIA
Il trattamento delle epilessie in età pediatrica ha implicazioni particolarmente complesse ed è gravato da un ampio margine di arbitrarietà che ha origini multiple. Un primo elemento di grande complessità risiede nella eterogeneità etiologica delle epilessie con esordio infantile e nella varietà delle forme sindromiche, talvolta molto rare, di diversa gravità e con profili evolutivi spesso imprevedibili. A questa complessità intrinseca si possono sovrapporre difficoltà da parte di chi deve studiare il bambino con epilessia nel disporre di tutti i mezzi necessari per approfondire e concentrare in breve tempo gli elementi su cui si fonda il processo decisionale terapeutico. La terapia farmacologica dell’epilessia negli adulti entra in gioco quando non è possibile rimuovere le cause, quando le crisi proseguono nonostante la rimozione delle cause o quando le cause non sono note. Altre due condizioni sono necessarie: che le crisi, come peraltro quasi sempre avviene, peggiorino la qualità della vita, e che il paziente dia un consenso informato ad una terapia di lunga durata (anni o decenni). Obiettivo principale della terapia è il controllo, possibilmente completo, delle crisi in assenza di effetti collaterali rilevanti. Obiettivo secondario e ugualmente importante è liberare il paziente dall’ansia delle ricadute. Nel Corso sarà operato un focus sullanuova classificazione dell’ILAE , sul trattamento della epilessia pediatrica e negli adulti con Levetiracetam, sull’approccio alla patologia con un solo farmaco (monoterapia) o più farmaci (politerapia) per una adeguata valutazione degli effetti tossici a lungo termine
Prezzo 0.00 €
Ore: 3
L’IMPORTANZA DELLA MULTIDISCIPLINARIETA’ NELL’ERA DEL COVID
La cronicità cardiovascolare costituisce a tutt’oggi una delle sfide prioritarie per la Medicina Generale, a cui spetta la presa in carico del paziente affetto da patologia cronica cardiovascolare ed il governo dei processi decisionali di diagnosi e cura, garantendone la continuità assistenziale. La pandemia da SARS CoV2 ha rimarcato la necessità di integrare la attività degli ospedali e degli ambulatori nella gestione dei pazienti cardiopatici e diabetici, individuati come soggetti a rischio elevatissimo nella contrazione della malattia. Allo studio del paziente con malattia in corso, si è nell’ultimo anno affiancata la analisi delle molteplici manifestazioni della Long-Covid, nome utilizzato per definire l’insieme dei sintomi clinici riscontrabili in alcuni pazienti contagiatisi nei mesi scorsi. Lo scopo del corso è quello di fornire ai partecipanti un approfondimento sui recenti avanzamenti nella gestione e trattamento del paziente diabetico e cadiovascolare colpito da virus SARS-CoV2 e i postumi di malattia, per una ottimale interazione tra gli attori del processo di cura.
Prezzo 0.00 €
Ore: 3